Wealth 2019

I migliori gestori patrimoniali in Italia

2° Edizione 2019/2020

Il servizio di Gestione Patrimoniale è una soluzione ideale per gli investitori che vogliono delegare, tramite un mandato, la gestione del proprio patrimonio a professionisti. Questo tipo di servizio finanziario gode di una clientela con un capitale di almeno un milione di euro, ma raggiunge anche i cosidetti “High Net Worth Individuals” con disponibilità di oltre 10 milioni di euro. Sulla base di un’analisi delle esigenze e degli obiettivi, questi investitori possono scegliere tra diverse linee di investimento o addirittura una gestione a 360 gradi del portafoglio. Ma quali sono i migliori gestori parimoniali in Italia a cui affidare il proprio patrimonio?

Per individuare le eccellenze del settore, l’Istituto tedesco qualità e finanza invita i principali attori (banche, sgr, sim, boutique, multi-family offices ecc.) a prendere parte alla seconda edizione dello studio “Migliori gestori patrimoniali in Italia”. Partecipare è semplice e gratuito: occorre compilare entro la fine di settembre 2019 un questionario e comporre un portafoglio per un cliente tipo (modulo).

Il nostro team di esperti valuterà le proposte di investimento in modo assolutamente imparziale e sulla base di metodi scientifici. I dati forniti saranno trattati in maniera estremamente confidenziale, aggregati e valutati in quattro categorie: organizzazione, trasparenza, qualità portafoglio e orientamento verso il cliente. Solo i gestori che superano il test saranno pubblicati e premiati in uno speciale su La Repubblica Affari & Finanza in autunno 2019. I vincitori saranno notificati con largo anticipo. Coloro che faranno parte della prestigiosa lista dei “Migliori gestori patrimoniali” avranno la possibilità di richiedere il sigillo di qualità dietro pagamento di una licenza e riceveranno un dettagliato report sullo studio.

L’Istituto tedesco qualità e il suo partner, l´Institut für Vermögensaufbau (“Istituto per la crescita del patrimonio”) hanno sede a Monaco di Baviera. Dal 2008 conducono annualmente diversi test di privat banking in Svizzera e Germania, considerati dei benchmark altamente attendibili.

Scaricare questionario

Spedire per mail a wealth@istituto-qualita.com
O per fax allo 0049 89 9250 3610

Perchè partecipare?

1. Eccellenza
Rientrare tra i migliori gestori patrimoniali in Italia sulla base di un test imparziale ed obiettivo dimostra la propria professionalità, esperienza ed affidabilità.

2. Visibilità
Nella pubblicazione in autunno su La Repubblica Affari & Finanza appariranno solo i vincitori. Un´occasione di ampia visibilità sul settimanale economico più letto in Italia.

3. Analisi benchmark
Possibilità di ricevere un´analisi dettagliata della propria proposta di investimento comparata con i maggiori players del settore che hanno partecipato all´iniziativa.

4. Sigillo di qualità
Ottenere il sigillo “Migliori gestori patrimoniali” è la prova visibile e ufficiale di un servizio di investimento personalizzato di altissimo livello.

Scaricare questionario

Spedire per mail a wealth@istituto-qualita.com
O per fax allo 0049 89 9250 3610

Domande e Risposte

Chi può partecipare?
Chiunque abbia l´abilitazione alla gestione patrimoniale, come divisioni private di banche commerciali italiane, banche italiane specializzate nel private banking, banche d´affari estere, boutique finanziare, sgr, sim e multi-family office.

Chi conduce il test?
No. Ogni partecipante può compiacersi dei buoni risultati ottenuti e renderli noti attraverso comunicati stampa, su Twitter, Facebook ecc. Solo i vincitori che vorranno utilizzare il sigillo di qualità “Campioni della crescita 2020”, dovranno pagare una license fee di durata annuale

Quali dati saranno resi pubblici?
I dati forniti non saranno pubblicati singolarmente, bensì valutati complessivamente in 4 categorie: organizzazione, trasparenza, qualità portafoglio e orientamento verso il cliente.

Quali sono i principali criteri di valutazione?
• Organizzazione: il gestore patrimoniale dispone di strutture e sistemi di qualità adeguati e orientati al cliente?
• Rapporto rischio/rendimento: esiste un rapporto proporzionato tra il rischio del portafoglio proposto e gli obiettivi di rendimento a lungo termine attesi?
• Composizione: gli strumenti finanziari utilizzati sono adatti agli obiettivi strategici del portafoglio?
• Costi: i costi esterni ed interni sono allineati a quelli in vigore sul mercato?
• Trasparenza: la mole di informazioni fornite sul portafoglio è adeguata e chiara?

Quali ratio vengono considerate?
Volatilità, value-at -risk, sensibilità ai tassi di interesse, rischi di valuta, di liquidità e di perdita in scenari di stress.

Come si ottiene il sigillo di qualità “Migliori Gestori Patrimoniali”?
Solo i vincitori hanno diritto di ottenere il sigillo e possono utilizzarlo su tutti i mezzi di comunicazione e di marketing dietro pagamento di una licenza.

Quali nomi appariranno su La Repubblica Affari & Finanza?
Solamente i nomi dei migliori gestori patrimoniali saranno pubblicati sul giornale. I risultati dei gestori partecipanti che non hanno superato la soglia per l´ottenimento della certificazione non saranno resi pubblici.

Quali grandi gestori patrimoniali usano già i sigilli di qualità?
La nostra survey è riconosciuta da anni nei paesi di lingua tedesca. Sono più di 50 I gestori che partecipano ogni anno, tra cui Deutsche Bank, Amundi, Reiffeisen, ecc.


Fondi 2019

I migliori gestori di fondi in Italia 2019

L’Istituto Tedesco Qualità e Finanza, ente indipendente specializzato nell’analisi e nella comparazione di prodotti finanziari, con un´esperienza decennale nei Paesi di lingua tedesca, ha confrontato su dati Morningstar, leader mondiale nella ricerca indipendente sugli investimenti, i fondi comuni d’investimento/SICAV distribuiti in Italia. È la 6. edizione italiana della classifica che mette insieme risultati e controllo del rischio secondo due solidi criteri:
• la performance storica degli ultimi cinque anni;
• il rischio per il risparmiatore (espresso dalla massima percentuale di perdita, „Max Drawdown“)
Un rendimento medio annuo alto ed una bassa percentuale di perdita hanno portato ad un buon posizionamento nella classifica rispetto al mercato, mentre un rendimento basso ed un’ alta percentuale di perdita hanno declassato il fondo. Anche per questa quinta 6. dello studio sono stati premiati i migliori fondi delle dieci categorie ritenute più rilevanti.

Infine, lo studio ha attribuito i riconoscimenti „Migliore Gestore Fondi“ e „Top Gestore Fondi“ nelle quattro classi, Italia Small, Italia Medium, Italia Big e International alle Società di Gestione del Risparmio che offrono i migliori prodotti secondo i criteri descritti.Il database totale di Morningstar copre tutti (o quasi) i fondi comuni vendibili sul mercato globale. Da questo database è stato estratto il campione italiano, composto da oltre 30.000 fondi comuni aperti. Anche se i risultati storici non sono indicativi di quelli futuri, rappresentano comunque una misura importante della qualità del fondo, delle capacitá del suo gestore e dei costi, visto che la commissione di gestione viene scorporata dal rendimento del fondo. La performance storica è un fattore che aiuta a comprendere il livello di successo nel corso degli anni.


IL METODO

Il campione italiano estratto dal database Morningstar è composto da oltre 30.000 fondi comuni aperti. Sono stati considerati tutti i fondi vendibili in Italia (solamente le classi retail) con una storia di almeno 5 anni e con un volume (assets under management) di almeno 7,5 milioni di Euro. Le categorie di Morningstar sono state raggruppate all’interno delle dieci categorie ritenute importanti in Italia, come i fondi azionari Italia, quelli azionari emerging markets e i blianciati aggressivi.

I fondi di ogni categoria sono stati valutati tenendo conto del rendimento del capitale medio annuo degli ultimi cinque anni nel period di osservazione da Novembre 2013 a Novembre 2018 e il rischio espresso dalla massima percentuale di perdita degli ultimi cinque anni, il cosidetto Max Drawdown. Un rendimento medio annuo alto ed una bassa percentuale di perdita hanno portato ad un buon posizionamento del fondo nella classifica rispetto al mercato. La graduatoria dei migliori gestori di fondi è ottenuta dalla somma di tutti i punti guadagnati dalle società di gestione nelle 10 categorie analizzate.

I migliori gestori di fondi PIR

Per stilare la classifica delle società di gestione fondi PIR (piani individuali di risparmio) sono stati assegnati dei punti a tutti i fondi PIR di una società secondo il loro posizionamento all’interno di ciascuna delle 4 categorie analizzate (azionaria Italia, bilanciati flessibili, bilanciati moderati, bilanciati prudenti/obbligazionari).

Trattandosi di prodotti relatativamente nuovi è stata considerate la performance degli ultimi 12 mesi. La metodologia seguita per i migliori gestori di fondi PIR replica quella descritta sopra.


Banche 2019

BANCHE 2019

Giunta alla sua quarta edizione, la nuova analisi sul sistema bancario italiano condotta dall´Istituto tedesco di Qualità e Finanza, si propone anche quest´anno di analizzare Ii principali istituti sul mercato italiano. Flessibilità e riduzione dei costi sono due grandi aree in cui gli istituti di credito possono competere, accompagnati da una rivoluzione digitale che rivede di anno in anno il modo di “fare banca”.

Le banche tradizionali offrono sempre più soluzioni digitali per I propri clienti, mentre quelle nate come puramente digitali cercano di avvicinarsi al pubblico aprendo fliali proprie, utilizzando consulenti sparsi sul territorio, o utilizzando gli sportelli di grandi banche tradizionali loro affiliate. La multicanalità diventa quindi la regola per soddisfare le necessità di una clientele sempre più esigente e attenta ai costi.


METODOLOGIA

Nella prima parte dello studio sono state pssate in rassegna nove aree della qualità del servizio delle 18 più importanti banche attraverso un sondaggio presso la clientela (metodo CAWI, Computer Assisted Web Inteviewing). Il sondaggio è composto da oltre 45 domande e ha raccolto ben 1.616 giudizi di clienti in Italia. Ognuna delle nove area della qualità è stata articolata in molteplici aspetti del servizio. Nella seconda parte, il focus dell´analisi è la convenienza dei conti correnti. L´Istituto ha definite 2 profili di correntisti tipo, uno che ha un utilizzo misto filiale/online e uno puramente digitale.

I profili e il numero di operazioni sono quelli più rappresentativi sulla base delle richieste effettuate sul sito www.confrontaconti.it. L’istituto ha richiesto alle principali banche di indicare i costi per questi due profili tramite moduli excel. Sulla base dei dati raccolti (interessi creditori, costi fissi di conto corrente, costi variabili per le operazioni eseguite ecc.) è stata stilata la classifica della convenienza dei conti correnti offerti ai clienti privati. Sono state escluse risposte che non hanno soddisfatto tutti i criteri richiesti (es. Impossibilità di fido).


Prestiti al consumo 2019

Prestiti al consumo 2019

L´Istituto tedesco Qualità e Finanza, leader delle indagini e dei sigilli di qualità in Europa, torna con la 7. Edizione dello studio sui Prestiti Personali, ossia quei prestiti non finalizzati concessi ai privati. Lo studio, condotto in modo imparziale e non comissionato dalle aziende analizzate, premia solo i migliori prodotti e le migliori aziende sul mercato con il sigillo di qualità dell`ITQF. Secondo l´ultima edizione dell’Osservatorio sul Credito al Dettaglio (Assofin, CRIF e Prometeia), nei primi 9 mesi del 2018 il credito alle famiglie è cresciuto del 6,3% fino a 52,4 Miliardi di Euro, decisamente più lentamente rispetto agli anni precedenti. Mentre si nota una lieve accelerazione delle erogazioni nei paesi europei, in Italia la crescita rimane sotto la media. Quali sono gli attori sul mercato che offrono le migliori condizioni economiche e quali coloro che dimostrano una maggiore attenzione al cliente?

Metodologia

L’Istituto Tedesco ha confrontato sia le condizioni economiche offerte dai principali istituti di credito (banche e finanziarie), sia la soddisfazione della clientela tramite un sondaggio rappresentativo della popolazione italiana. Per il confronto delle condizioni sono stati descritti 4 profili tra i più diffusi in Italia. Due profili dedicati alla richiesta di un prestito personale. Due, sulla cessione del quinto: uno per un dipendente pubblico e l´altro per un pensionato. Per i primi 2 profili sono state prese in considerazione anche le offerte di social lending. L´analisi della soddisfazione della clientela in Italia ha considerato i 17 principali istituti di credito (banche e finanziarie) ed è stata svolta nel mese di Marzo 2019. Il sondaggio, condotto con metodo CAWI (Computer Web Assisted Interview), è rappresentativo dell’intera popolazione italiana ed ha raccoloto 1.444 interviste con clienti in Italia. In totale sono state rivolte 50 domande ad ogni intervistato per ottenere una valutazione di diversi aspetti/dimensioni della qualità (offerta prodotti, assistenza client, rapport qualità-prezzo ecc.). Le valutazioni sono state condotte separatamente per banche e finanziarie.


Mutui 2018

MUTUI 2018

Tassi bassi ma domanda rallentata – questa è la fotografia del mercato dei mutui 2018 in Italia. L´Istituto tedesco Qualità e Finanza torna anche quest´anno con la nuova edizione che analizza la soddsifazione dei clienti per il mutuo offerto e il tasso applicato dalla loro banca. Negli anni passati la domanda di nuovi finanziamenti a lungo termine è stata sostenuta soprattutto dalle operazioni di surroga. Accaparrarsi i tassi più bassi sul mercato ha già permesso a molti italiani di approfittare

del cambio favorevole e dunque da fine 2017 si nota una riduzione delle operazioni di surroga. Se da un lato quindi si assiste ad un rallentamento della domanda di mutui, cresce l´importo richiesto per finanziare l´acquisto dell`immobile. Nello studio sono considerate sia le banche tradizionali che quelle digitali, analizzate sotto diversi criteri. La valutazione complessiva indica gli istituti creditizi che offrono ai mutuatari le migliori condizioni di finanziamento e di servizio.


IL METODO

L´analisi si compone di due parti. La prima riguarda la soddisfazione dei clienti su 7 aspetti della qualità del servizio bancario in ambito mutuo. Il sondaggio realizzato con metodo CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) è rappresentativo della popolazione per area, sesso ed età. Sono ben 1790 le valutazioni raccolte tra i clienti italiani dei 17 maggiori istituti creditizi

suddivisi in banche tradizionali e digitali. Le classifiche finali della qualità sono il risultato della ponderazione dei risultati raggiunti dalle banche nelle 7 diverse dimensioni analizzate. La seconda parte dello studio confronta i TAEG sulla base di 3 profili di mutuatario tipo, confrontando sia i tassi registrati a Giugno 2018 che quelli raccolti per ogni banca negli ultimi 12 mesi.


GESTIONE PATRIMONIALE 2018

La migliore gestione patrimoniale in Italia

I servizi di wealth management sono sempre più interessanti per il risparmiatore che può delegare la gestione del proprio patrimonio a professionisti. A differenza della consulenza si tratta di un mandato conferito ad un intermediario che gestisce attivamente le somme conferite. Un ottimo gestore costruisce un portafoglio efficiente e personalizzato con un rapporto proporzionato tra il rischio e gli obiettivi prescelti dall’investitore. Ma quali sono i migliori gestori patrimoniali in Italia? Per individuare l’eccellenza l’istituto tedesco qualità e finanza invita gli attori del settore a compilare un questionario

e a proporre una soluzione per un caso d’investimento.
L`Istituto tedesco di qualità e finanza e l´Institut für Vermögensaufbau („Istituto per la crescita del patrimonio“), leaders in Europa per la certificazione indipendente, valutano i portafogli d´investimento secondo i piú alti standard dell´industria.
Solo i vincitori saranno nominati e premiati in uno speciale su La Repubblica Affari & Finanza ed avranno l´opportunitá di ottenere il sigillo di qualitá dell´Istituto.

3 motivi per partecipare

1. Certificazione di eccellenza

Rientrare tra i migliori gestori patrimoniali in Italia sulla base di un test parziale ed obiettivo a dimostranza della propria professionalitá, esperienza ed affidabilitá

2. Visibilitá sui media

La lista dei vincitori sará pubblicata su La Repubblica Affari & Finanza offrendo ampie possibilitá di visibilitá sul settimanale economico piú letto in Italia

3. Analisi benchmark

Opportunitá di ricevere un´analisi dettagliata della propria proposta di investimento comparata con i maggiori players del settore che hanno partecipato all´iniziativa


DOMANDE E RISPOSTE

Chi puó partecipare?

Chiunque ha l´abilitazione alla gestione patrimoniale come divisioni private di banche commerciali italiane, banche italiane specializzate nel private banking, banche d´affari estere, boutique finanziare, sgr, sim, reti di promotori finanziari con struttura private banking e multy family office.

 

Chi conduce il test?

L’istituto tedesco qualità e finanza in collaborazione con l´Institut für Vermögensaufbau (“Istituto per la crescita del patrimonio”) di Monaco di Baviera. Sono due aziende tedesche indipendenti da qualsiasi istituto bancario che certificano i portafogli d’investimento e la gestione patrimoniale.

 

Quali dati saranno resi pubblici?

I dati forniti non saranno pubblicati, bensì valutati complessivamente in categorie come “orientamento verso il cliente” o “qualità del portafoglio”.

 

Quali sono i criteri di valutazione?

• Organizzazione: il gestore patrimoniale dispone di strutture e sistemi di qualità, adeguati e orientati al cliente?

• Rapporto rischio/rendimento: Esiste un rapporto proporzionato tra il rischio del portafoglio proposto e gli obiettivi di rendimento a lungo termine attesi? Come reagisce l´investimento a situaioni di stress?

• Composizione del prodotto: Gli strumenti finanziari utilizzati sono adatti agli obiettivi strategici del portafoglio?

• Costi: I costi esterni ed interni sono allineati a quelli in vigore sul mercato?

• Trasparenza: La proposta di investimento è trasparente?

 

Quali ratio vengono considerate?

Volatilità, value-at -risk, sensibilità ai tassi di interesse, rischio valuta e di liquidità nonché il rischio di perdita in scenari di stress.

 

Come si ottiene il sigillo di qualitá „Migliori Gestori Patrimoniali“?

Solo i vincitori hanno diritto ad ottenere il sigillo e possono utilizzarlo su tutti i mezzi di comunicazione e di marketing dietro pagamento di una licenza

 

Quali nomi appariranno pubblicamente su La Repubblica Affari & Finanza?

Solamente i nomi dei migliori gestori patrimoniali saranno pubblicati sul giornale. I risultati dei gestori partecipanti che non hanno superato la soglia per l´ottenimento della certificazione non saranno resi pubblici.

 

Quali grandi gestori patrimoniali usano giá i sigilli di qualitá?

La procedura di certificazione è riconosciuta in tutti i paesi di lingua tedesca. Tra i piú grandi gestori rientrano DeutscheBank, Amundi, Reiffeisen, ecc.

CONTATTO

Telefono: +49 – 89 – 92503611

Email: wealth@istituto-qualita.com

Il nosto mediapartner

Articolo PDF

L’Istituto Tedesco e La Repubblica / A&F si riservano il diritto di cambiare i criteri di inserimento nel ranking di „TOP Gestori Patrimoniali“ e , in casi eccezionali, di integrarli.


Banche 2018

Le banche

Qualità e conti correnti

La nuova analisi del sistema bancario italiano condotta dall´Istituto tedesco di Qualità e Finanza si presenta in un quadro caratterizzato da una progressiva ripresa e da un rafforzamento degli istituti di credito, che si allontanano dal passato periodo di crisi. Le banche di oggi sono aperte alle nuove sfide tecnologiche che, se colte al meglio, possono aumentarne la redditività e ridurne i costi. Le cosiddette „banche tradizionali“, solitamente nominate „con filiali“, diventano sempre più digital, offrendo canali diretti alternativi ai propri clienti. Le banche conosciute come „online“,

aprono invece filiali e organizzano reti di consulenti finanziari, vicini alla clientela. L´Istituto ha ampliato il sondaggio dedicato alla soddisfazione della clientela, dedicando maggiore importanza ai temi attuali della multicanalità, della digitalizzazione e della consulenza ai clienti. Nove sono state le aree della qualità analizzate con un sondaggio rappresentativo della popolazione italiana sulla customer satisfaction. Oltre all´analisi della qualità delle banche, è stata passata in rassegna anche la convenienza dei loro conti correnti attraverso il confronto delle condizioni.


IL METODO

L´indagine sulle banche in Italia vede da un lato il confronto dei costi dei conti correnti, dall´altro l´analisi della soddisfazione della clientela. Per il confronto sono stati inividuati quattro profili di correntista: due privati (uso conto multicanale, uso conto esclusivo online), due business (libero professionista, piccola azienda). L´Istituto ha contattato le più grandi banche chiedendo le principali voci di costo da comparare e supponendo un fido bancario. La soddisfazione della clientela rispetto ai principali 17 istituti bancari in Italia è stata analizzata

tramite un sondaggio CAWI (Computer Assisted Web Inteviewing), composto da oltre 45 domande, che ha raccolto ben 1.807 giudizi di clienti in Italia per le più grandi banche, suddivise in due gruppi: „banche multicanali con filiali“ e „banche digital/ digital multicanali“. La nuova denominazione rispecchia il nuovo approccio operativo e strategico degli istituti bancari, indirizzato, appunto, alla multicanalità. Sono state individuate 9 aree della qualità del servizio delle banche. Ognuna delle nove aree è stata articolata e poi analizzata in molteplici aspetti.


Prestiti 2018

Prestiti personali

Tassi e qualità a confronto

Puntuale, anche quest´anno, torna l´analisi dell´Istituto tedesco Qualità e Finanza sui prestiti personali, ossia quei prestiti non finalizzati concessi ai privati. Il credito alle famiglie continua a crescere, confemrnado il trend degli scorsi anni, con i prestiti personali che registrano un aumento del 14,6%. La forte concorrenza tra gli operatori del credito, unita al basso costo del denaro, hanno portato ad una maggiore offerta di proposte più flessibili per i clienti, favorendo il trend positivo. L´Istituto presenta, da un lato, il confronto delle condizioni economiche dei principali istituti di credito, sia

banche che finanziarie con focus su prestiti personali, cessione del quinto e social lending. Dall´altro, un´analisi approfondita della soddisfazione della clientela. Dopo aver confrontato i TAEG dei maggiori operatori di credito per diversi profili di consumo, l´Istituto ha quindi analizzato la qualità, attraverso un ampio sondaggio rappresentativo, con oltre 35 domande su 7 aspetti del servizio di 17 operatori del credito. L´obiettivo dello studio è infatti capire dove si trova non solo il risparmio, ma anche, la migliore attenzione al cliente.


IL METODO

L´indagine sui prestiti in Italia vede da un lato il confronto dei tassi, dall´altro l´analisi della soddisfazione della clientela. Per il confronto sono stati descritti 4 profili tra i più diffusi in Italia. Due profili dedicati alla richiesta di un prestito personale. Due, sulla cessione del quinto: dipendente pubblico e pensionato. Per i primi 2 profili sono state prese in considerazione anche le offerte di social lending. L´Istituto ha contattato i maggiori competitor attivi sul mercato. Di questi, 12 hanno deciso di partecipare fornendo i dati richiesti. Per valutare la loro convenienza economica sono stati

confrontati i TAEG, Tasso Annuo Effettivo Globale, indice di costo affidabile e completo. Agli operatori è stato assegnato un voto scolastico, dove 10 corrisponde al tasso più conveniente sul mercato. La soddisfazione della clientela rispetto ai principali 17 istituti di credito è stata analizzata tramite un sondaggio rappresentativo dell’intera popolazione italiana, condotto con metodo CAWI. In totale sono stati raccolti 1.562 giudizi di clienti su sette aspetti della qualità. Le valutazioni sono state condotte separatamente per banche e finanziarie.


Fondi 2018

I Migliori Gestori di Fondi

Italia Small/ Italia Medium/ Italia Big/ International

L’industria del risparmio gestito in Italia continua a viaggiare a gonfie vele. Il patrimonio gestito dall’industria, l´“Asset under management“, sfiora ormai i 2.079 miliardi di euro – nuovo record storico. Scegliere i fondi adeguati e soprattutto ben gestiti non è facile per i risparmiatori, che si trovano di fronte a un´ampia offerta con centinaia di prodotti differenti. L’ Istituto Tedesco Qualità e Finanza, ha confrontato su dati Morningstar, leader mondiale nella ricerca indipendente sugli investimenti e nella fornitura di strumenti a supporto delle

istituzioni finanziarie, i Fondi Comuni d’Investimento/SICAV distribuiti in Italia secondo due solidi criteri: la performance storica degli ultimi cinque anni; il rischio per il risparmiatore. Anche per la quinta edizione dello studio, sono stati premiati i migliori fondi di ben dieci categorie, quelle ritenute più rilevanti. Lo studio ha poi attribuito alle SGR con i migliori prodotti i riconoscimenti di „Migliore Gestore Fondi“ e „Top Gestore Fondi“ in quattro classi: Italia Small, Italia Medium, Italia Big e International.


IL METODO

Il campione italiano estratto dal database di Morningstar è composto da 35.499 fondi comuni aperti. Sono stati considerati tutti i fondi vendibili in Italia (solo classi retail) con una storia di almeno 5 anni e un volume di almeno € 7,5 milioni – solamente una classe per fondo (la più vecchia). I fondi sono stati raggruppati in dieci categorie diverse, considerate come le più rilevanti in Italia, tra cui i fondi azionari Italia, quelli azionari emerging markets e i bilanciati aggressivi. I fondi sono stati classificati, all´interno di ciascuna categoria, sulla base di due criteri:

il rendimento medio annuo degli ultimi cinque anni – periodo: Novembre 2012 – Novembre 2017 – ponderato al 66%; il rischio espresso dalla massima percentuale di perdita degli ultimi cinque anni, il cosiddetto Max Drawdown (33%). Un rendimento alto ed una bassa percentuale di perdita hanno portato ad un buon posizionamento del fondo.  Dalla somma di tutti i punti guadagnati dai fondi di ciascuna società nelle 10 categorie analizzate, emerge la graduatoria dei migliori gestori di fondi.


Mutui 2017

Mutui

Quando si parla di mutui, il costo è indubbiamente un aspetto importante, ma non esaustivo. Un ruolo importante, infatti, lo giocano anche altri aspetti come la velocità di accensione del mutuo o la flessibilità di poter rinegoziare con la banca le condizioni. La nuova edizione dell´analisi sul mercato dei mutui, condotta dall´Istituto, introduce due nuove dimensioni qualitative: i mutui digitali e le surroghe. La crescente digitalizzazione del mondo bancario, porta molti clienti a preferire una App piuttosto che il calssico sportello, per

entrare in banca, infatti. Dall´altro lato, il calo dei tassi degli ultimi anni ha spinto molti italiani a spostarsi ad un´altra banca, surrogando il vecchio finanziamento. Nella parte quantitativa del nostro studio, sono stati valutati i Taeg fissi e variabili registrati a Maggio 2017 e la serie storica da Maggio 2016 ad Aprile 2017. Per valutare le banche più convenienti è necessario infatti analizzare anche il comportamento passato. In quella qualitativa, sono state passate in rassegn sette dimensioni del servizio delle banche.

Le classifiche della qualità

BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
CredemOTTIMAING DirectOTTIMA
Deutsche BankOTTIMAWebankOTTIMA
Intesa SanPaoloOTTIMACheBanca!TOP
UnicreditOTTIMA  
BNL - Gruppo BNP ParibasTOP  
Ubi BancaTOP 
BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
BNL - Gruppo BNP ParibasOTTIMAING DirectOTTIMA
Intesa SanPaoloOTTIMACheBanca!TOP
Banco Popolare (Banco BPM SpA)TOPWebankTOP
Deutsche BankTOP  
UnicreditTOP 
BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
BNL - Gruppo BNP ParibasOTTIMAING DirectOTTIMA
CredemOTTIMAWebankOTTIMA
Intesa SanPaoloOTTIMACheBanca!TOP
Deutsche BankTOPWidibaTOP
Ubi BancaTOP 
BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
CredemOTTIMAWebankOTTIMA
Deutsche BankOTTIMACheBanca!TOP
Intesa SanPaoloOTTIMAWidibaTOP
UnicreditOTTIMA  
BNL - Gruppo BNP ParibasTOP  
Ubi BancaTOP 
BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
CredemOTTIMAING DirectOTTIMA
Deutsche BankOTTIMAWidibaOTTIMA
Banco Popolare (Banco BPM SpA)TOPCheBanca!TOP
BNL - Gruppo BNP ParibasTOPWebankTOP
UnicreditTOP 
BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
Deutsche BankOTTIMAING DirectOTTIMA
UnicreditOTTIMACheBanca!TOP
Banco Popolare (Banco BPM SpA)TOPWidibaTOP
Intesa SanPaoloTOP  
Monte dei PaschiTOP  
Ubi BancaTOP 
BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
Deutsche BankOTTIMAWebankOTTIMA
Intesa SanPaoloOTTIMACheBanca!TOP
UnicreditOTTIMA  
Banco Popolare (Banco BPM SpA)TOP  
BNL - Gruppo BNP ParibasTOP  
CredemTOP  
Crédit Agricole (Cariparma)TOP 
BANCHE CON FILIALIVALUTAZIONEBANCHE ONLINEVALUTAZIONE
CredemOTTIMACheBanca!OTTIMA
Ubi BancaOTTIMAING DirectOTTIMA
Crédit Agricole (Cariparma)TOPWebankTOP
Intesa SanPaoloTOP  
UnicreditTOP 

Le classifiche dei tassi