Banche 2018

Le banche

Qualità e conti correnti

La nuova analisi del sistema bancario italiano condotta dall´Istituto tedesco di Qualità e Finanza si presenta in un quadro caratterizzato da una progressiva ripresa e da un rafforzamento degli istituti di credito, che si allontanano dal passato periodo di crisi. Le banche di oggi sono aperte alle nuove sfide tecnologiche che, se colte al meglio, possono aumentarne la redditività e ridurne i costi. Le cosiddette „banche tradizionali“, solitamente nominate „con filiali“, diventano sempre più digital, offrendo canali diretti alternativi ai propri clienti. Le banche conosciute come „online“,

aprono invece filiali e organizzano reti di consulenti finanziari, vicini alla clientela. L´Istituto ha ampliato il sondaggio dedicato alla soddisfazione della clientela, dedicando maggiore importanza ai temi attuali della multicanalità, della digitalizzazione e della consulenza ai clienti. Nove sono state le aree della qualità analizzate con un sondaggio rappresentativo della popolazione italiana sulla customer satisfaction. Oltre all´analisi della qualità delle banche, è stata passata in rassegna anche la convenienza dei loro conti correnti attraverso il confronto delle condizioni.


IL METODO

L´indagine sulle banche in Italia vede da un lato il confronto dei costi dei conti correnti, dall´altro l´analisi della soddisfazione della clientela. Per il confronto sono stati inividuati quattro profili di correntista: due privati (uso conto multicanale, uso conto esclusivo online), due business (libero professionista, piccola azienda). L´Istituto ha contattato le più grandi banche chiedendo le principali voci di costo da comparare e supponendo un fido bancario. La soddisfazione della clientela rispetto ai principali 17 istituti bancari in Italia è stata analizzata

tramite un sondaggio CAWI (Computer Assisted Web Inteviewing), composto da oltre 45 domande, che ha raccolto ben 1.807 giudizi di clienti in Italia per le più grandi banche, suddivise in due gruppi: „banche multicanali con filiali“ e „banche digital/ digital multicanali“. La nuova denominazione rispecchia il nuovo approccio operativo e strategico degli istituti bancari, indirizzato, appunto, alla multicanalità. Sono state individuate 9 aree della qualità del servizio delle banche. Ognuna delle nove aree è stata articolata e poi analizzata in molteplici aspetti.


Prestiti 2018

Prestiti personali

Tassi e qualità a confronto

Puntuale, anche quest´anno, torna l´analisi dell´Istituto tedesco Qualità e Finanza sui prestiti personali, ossia quei prestiti non finalizzati concessi ai privati. Il credito alle famiglie continua a crescere, confemrnado il trend degli scorsi anni, con i prestiti personali che registrano un aumento del 14,6%. La forte concorrenza tra gli operatori del credito, unita al basso costo del denaro, hanno portato ad una maggiore offerta di proposte più flessibili per i clienti, favorendo il trend positivo. L´Istituto presenta, da un lato, il confronto delle condizioni economiche dei principali istituti di credito, sia

banche che finanziarie con focus su prestiti personali, cessione del quinto e social lending. Dall´altro, un´analisi approfondita della soddisfazione della clientela. Dopo aver confrontato i TAEG dei maggiori operatori di credito per diversi profili di consumo, l´Istituto ha quindi analizzato la qualità, attraverso un ampio sondaggio rappresentativo, con oltre 35 domande su 7 aspetti del servizio di 17 operatori del credito. L´obiettivo dello studio è infatti capire dove si trova non solo il risparmio, ma anche, la migliore attenzione al cliente.


IL METODO

L´indagine sui prestiti in Italia vede da un lato il confronto dei tassi, dall´altro l´analisi della soddisfazione della clientela. Per il confronto sono stati descritti 4 profili tra i più diffusi in Italia. Due profili dedicati alla richiesta di un prestito personale. Due, sulla cessione del quinto: dipendente pubblico e pensionato. Per i primi 2 profili sono state prese in considerazione anche le offerte di social lending. L´Istituto ha contattato i maggiori competitor attivi sul mercato. Di questi, 12 hanno deciso di partecipare fornendo i dati richiesti. Per valutare la loro convenienza economica sono stati

confrontati i TAEG, Tasso Annuo Effettivo Globale, indice di costo affidabile e completo. Agli operatori è stato assegnato un voto scolastico, dove 10 corrisponde al tasso più conveniente sul mercato. La soddisfazione della clientela rispetto ai principali 17 istituti di credito è stata analizzata tramite un sondaggio rappresentativo dell’intera popolazione italiana, condotto con metodo CAWI. In totale sono stati raccolti 1.562 giudizi di clienti su sette aspetti della qualità. Le valutazioni sono state condotte separatamente per banche e finanziarie.


RC Auto 2018

RC Auto

Risparmio e qualità a confronto

Puntuale, ogni anno, torna l´analisi condotta dall´Istituto tedesco sulle RC Auto in Italia. Il tema ha guadagnato quest´anno molta importanza con le novità introdotte dal Decreto Concorrenza diventato finalmente legge, la 124/2017. La preoccupazione degli italiani resta peró sempre la stessa. Quanto mi costa l´assicurazione auto? Soprattutto per chi vive al Sud, la RCA può diventare una spesa onerosa. Per questo motivo l´Istituto presenta un confronto di oltre 5.700 premi RCA delle 30 principali compagnie in Italia. Sulla base del confronto,

sono state individuate le migliori tariffe presenti sul mercato. Il risparmio è sicuramente una variabile importantissima per scegliere la propria assicurazione auto. Non bisogna trascurare, peró, anche la componente qualitativa e quindi il rapporto compagnia-assicurato, importantissimo soprattutto quando si parla di liquidazione danni, assistenza in caso di incidente, digitalizzazione della comunicazione e innovazione dei servizi accessori. Anche questi aspetti sono stati analizzati nell´indagine, tramite un sondaggio sulla customer satisfaction.


IL METODO

L´indagine sulle RC Auto vede da un lato il confronto dei premi, dall´altro l´analisi della soddisfazione della clientela. Alle prime 30 compagnie sul mercato è stato chiesto di indicare i premi per i 20 capoluoghi di regione italiani. Sono state richieste le tariffe per la RCA pura, la RCA con scatola nera, con incendio e furto e con la RCA con assistenza stradale, relative a 4 tipologie di guidatore: il „neopatentato“, il guidatore „esperto“, la „guida libera“ e il „motociclo“. Il risultato è una comparazione di oltre 5.700 premi per 260 combinazioni profilo-città. La seconda parte dell´indagine si concentra, invece,

sulla soddisfazione dei clienti, riscontrata con un sondaggio online rappresentativo della popolazione. Sono state condotte 2.430 interviste con il metodo CAWI – Computer Assisted Web Interview e poste oltre 30 domande ad ogni cliente. La qualità delle assicurazioni è stata suddivisa in 8 aspetti come ad esempio la comunicazione con i clienti, la liquidazione danni e il rapporto qualità-prezzo. La sintesi di tutti gli aspetti del servizio è la classifica finale della soddisfazione clienti. Le compagnie dirette sono state divise da quelle con agenzie si per la parte sulle tariffe che per quella sulla qualità.


Campioni della Crescita 2018

I Campioni della Crescita

L´Italia più dinamica

L´Istituto Tedesco Qualità e Finanza e La Repubblica – Affari & Finanza presentano, per la prima volta in Italia, lo studio „Campioni della crescita 2018“. L´obiettivo è individuare quelle imprese dinamiche – spesso nascoste – che danno nuovi impulsi all’economia italiana. La Banca d’Italia prevede per il 2018 un aumento del Pil dell´1,4%. Molte imprese, però, registrano uno sviluppo più forte, grazie a idee e modelli di business innovativi. L´Istituto ha individuato le 300 imprese che nel triennio 2013-2016 hanno registrato

una notevole crescita del fatturato. Rientrare tra i Campioni della Crescita è la prova visibile e ufficiale della crescita dell’impresa nel proprio settore e al contempo aumenta la reputazione dell’azienda stessa in qualità di datore di lavoro, trasmettendo ai potenziali dipendenti l’idea di riuscire ad offrire loro grandi prospettive per il futuro. La crescita di ogni singola impresa diventa un fattore ‘contagioso’ per la performance di tutto il sistema produttivo, cruciale per il vantaggio competitivo di un intero paese.


IL METODO

Partendo da ben 7,8 milioni di aziende censite, tramite un´attenta ricerca in banche dati pubblicamente disponibili, dati aziendali online, analisi di gare e portali di comunicazione, si è giunti ad una lista di 10.000 aziende con un alto tasso di crescita. Le aziende sono state contattate con la richiesta di compilare un dettagliato questionario sull’attività dell’impresa. Per far parte della classifica dei 300 Campioni della Crescita le imprese dovevano: aver raggiunto un fatturato minimo di 180.000 euro nel 2013, e aver raggiunto un fatturato minimo

di 2 milioni euro nel 2016. Dovevano avere la propria sede in Italia, essere cresciute prevalentemente in modo organico e non tramite acquisizione di altre aziende. La lista dei Campioni è stata stilata in base alla crescita media annuale e ha individuato tre fasce di premiazione: „Diamante“: aziende con crescita media annuale del fatturato di oltre il 50%. „Platino“: aziende con crescita media annuale del fatturato di oltre il 30%. „Oro“: aziende con crescita media annuale del fatturato di oltre il 10%.


Fondi 2018

I Migliori Gestori di Fondi

Italia Small/ Italia Medium/ Italia Big/ International

L’industria del risparmio gestito in Italia continua a viaggiare a gonfie vele. Il patrimonio gestito dall’industria, l´“Asset under management“, sfiora ormai i 2.079 miliardi di euro – nuovo record storico. Scegliere i fondi adeguati e soprattutto ben gestiti non è facile per i risparmiatori, che si trovano di fronte a un´ampia offerta con centinaia di prodotti differenti. L’ Istituto Tedesco Qualità e Finanza, ha confrontato su dati Morningstar, leader mondiale nella ricerca indipendente sugli investimenti e nella fornitura di strumenti a supporto delle

istituzioni finanziarie, i Fondi Comuni d’Investimento/SICAV distribuiti in Italia secondo due solidi criteri: la performance storica degli ultimi cinque anni; il rischio per il risparmiatore. Anche per la quinta edizione dello studio, sono stati premiati i migliori fondi di ben dieci categorie, quelle ritenute più rilevanti. Lo studio ha poi attribuito alle SGR con i migliori prodotti i riconoscimenti di „Migliore Gestore Fondi“ e „Top Gestore Fondi“ in quattro classi: Italia Small, Italia Medium, Italia Big e International.


IL METODO

Il campione italiano estratto dal database di Morningstar è composto da 35.499 fondi comuni aperti. Sono stati considerati tutti i fondi vendibili in Italia (solo classi retail) con una storia di almeno 5 anni e un volume di almeno € 7,5 milioni – solamente una classe per fondo (la più vecchia). I fondi sono stati raggruppati in dieci categorie diverse, considerate come le più rilevanti in Italia, tra cui i fondi azionari Italia, quelli azionari emerging markets e i bilanciati aggressivi. I fondi sono stati classificati, all´interno di ciascuna categoria, sulla base di due criteri:

il rendimento medio annuo degli ultimi cinque anni – periodo: Novembre 2012 – Novembre 2017 – ponderato al 66%; il rischio espresso dalla massima percentuale di perdita degli ultimi cinque anni, il cosiddetto Max Drawdown (33%). Un rendimento alto ed una bassa percentuale di perdita hanno portato ad un buon posizionamento del fondo.  Dalla somma di tutti i punti guadagnati dai fondi di ciascuna società nelle 10 categorie analizzate, emerge la graduatoria dei migliori gestori di fondi.